Superare un lutto con l’ipnosi.

Oggi riflettevo che quando qualcuno a cui teniamo muore, sentiamo che ci ha lasciato. Ma nel mio lavoro ho conosciuto persone che non riescono a lasciare andare la persona scomparsa. Ricordo una madre che aveva lasciato intatta la stanza del figlio adolescente morto anni prima, continuando negli anni a lavargli la roba come se aspettasse il suo ritorno «da un momento all’altro», così mi disse. Venne da me chiedendomi aiuto affinché con l’ipnosi potessi metterla in contatto con suo figlio scomparso.
Questo significa non lasciare andare qualcuno, tenerlo incatenato alla nostra vita, perché non accettiamo il fatto che ci abbia lasciato.
Superare vuol dire, dal mio punto di vista, riuscire a dire addio alla persona ma allo stesso tempo continuare a farla vivere dentro di noi attraverso i ricordi. Dire addio significa staccarsi dagli oggetti del defunto, liberarsi di abiti, libri, quadri, in una parola: andare avanti con la propria vita. Chi riesce a farlo si libera, spezza le proprie catene e guarda verso il futuro. Il mio lavoro è quello di aiutare queste persone bloccate con l’ipnosi e la psicoterapia, a fare quel passo che da sole non riescono a fare. Ma serve un elemento indispensabile: la volontà di cambiare.
✋🏻Ora lascio a voi indovinare cosa ho fatto con quella madre che venne da me. E ditemi cosa avreste fatto al mio posto e perché.
Scrivetemelo nei commenti.
Se pensate che questo post possa aiutare qualcuno, condividetelo.